CHI SONO 

[Me]
Descriversi è sempre un'arma a doppio taglio. C'è chi adora le presentazioni prolisse, chi invece quelle sintetiche. Io appartengo alla seconda categoria quindi userò una sola parola che riassume in toto ciò che faccio per vivere: storyteller. Sono uno che narra storie e lo faccio in primis con l'audiovisivo e in seconda battuta coi libri. Scrivo e/o dirigo opere audiovisive da quasi 20 anni, mi diletto negli elaborati scritti (miei o di altri) da quasi dieci. Ah, insegno all'Accademia di Belle Arti di Novara dal 2006, sono Relatore di Storytelling in diversi corsi pubblici e privati (anche allo IED Milano serale) e sono giunto secondo in graduatoria presso la prestigiosa Accademia Carrara di Bergamo.
Clicca qui per maggiori informazioni.

[Portfolio]
Ho lavorato come regista free-lance in produzioni promozionali di grandi aziende e multinazionali (Nestlè, F.lli Carli, Balluff Italy, Mondadori, Condé Nast, Zucchi Group, Muster & Dikson, Asystel Volley, NewLinks, Est Sesia, Comune di Novara tanto per citarne alcuni);
ho realizzato numerosi cortometraggi alcuni dei quali premiati in kermesse nazionali ("L'Audace Viaggiatore", "Giulia", "La donna in nero") e altri distribuiti a livello nazionale ("Il Protocollo Sabbia", "L'Ultimo Giorno");
ho ideato campagne di storytelling audiovisivo per sostenere realtà di volontariato ("Fiori di Carta" per Fondazione Humanitas, "Giulia" per ENPA);
ho supervisionato e/o realizzato campagne viral per promuovere cultura ed eco-sostenibilità (ad esempio: "#CultivateCulture" per EXPO, "Per un mondo migliore" per Comune di Novara, ASSA e Regione Piemonte).

[Sociale]
Nell'ambito delle campagne sociali ho portato avanti progetti per raccogliere fondi come, ad esempio, il cortometraggio "Restless" (a favore dei bambini vittime di violenze sessuali), il cortometraggio "Giulia" per aiutare i canili e il libro "Animali, a chi?" per sostenere il gattile di Novara.
Oggi porto avanti due progetti audiovisivi: uno a titolo "The Balcony" per la lotta al cyber-bullismo e "Per mano, nel vuoto" per sostenere la ricerca per la cura dell'Alzheimer.