CHI SONO 

[Me]
Descriversi è sempre un'arma a doppio taglio. C'è chi adora le presentazioni prolisse, chi invece quelle sintetiche. Io appartengo alla seconda categoria quindi userò una sola parola che riassume in toto ciò che faccio per vivere: storyteller. Sono uno che narra storie e lo faccio in primis con l'audiovisivo e in seconda battuta coi libri. Scrivo e/o dirigo opere audiovisive da quasi 20 anni, mi diletto negli elaborati scritti (miei o di altri) da quasi dieci. Ah, insegno all'Accademia di Belle Arti di Novara dal 2006, sono Relatore di Storytelling in diversi corsi pubblici e privati (anche allo IED Milano, corsi serali, 2017/2018/2019) e ho tenuto workshop presso il Liceo Classico Cavour di Torino (2019/2020) e all'ITI Omar di Novara.
Clicca qui per maggiori informazioni.

[Portfolio]
Ho lavorato come regista free-lance in produzioni promozionali di grandi aziende e multinazionali (Nestlè, F.lli Carli, Balluff Italy, Mondadori, Condé Nast, Zucchi Group, Muster & Dikson, Asystel Volley, NewLinks, Est Sesia, Comune di Novara tanto per citarne alcuni);
ho realizzato numerosi cortometraggi alcuni dei quali premiati in kermesse nazionali ("L'Audace Viaggiatore", "Giulia", "La donna in nero") e altri distribuiti a livello nazionale ("Il Protocollo Sabbia", "L'Ultimo Giorno"); ho ideato campagne di storytelling audiovisivo per sostenere realtà di volontariato ("Fiori di Carta" per Fondazione Humanitas, "Giulia" per ENPA); ho supervisionato e/o realizzato campagne viral per promuovere cultura ed eco-sostenibilità (ad esempio: "#CultivateCulture" per EXPO, "Per un mondo migliore" per Comune di Novara, ASSA e Regione Piemonte).

[Sociale]
Nell'ambito delle campagne non profit ho portato avanti progetti per raccogliere fondi come, ad esempio, il cortometraggio "Restless" (a favore dei bambini vittime di violenze sessuali, 2004), il cortometraggio "Giulia" per aiutare i canili (2010) e il libro "Animali, a chi?" (2012) per sostenere il gattile di Novara. Con l'Istituto Omar invece ho realizzato il cortometraggio "AQUA" che sensibilizza l'opinione pubblica sul dilagante fenomeno della violenza sulle donne.

[Dicono di Me]

Bill Beadle (singer & producer of SACRILEGE)

"Working with Marco was an absolute pleasure. He and his team work in a professional but friendly way making sure everything gets done and the final production is exactly what we wanted. Many thanks Marco I hope we can work together again soon."
("The Court of the insane" - 2020)


Goce Cvetanovski (Creative Director LINX ANIMATION STUDIOS)

"Marco is a passionate storyteller and a great guy to work with. His sense of humor and knowledge of story structure are always at the top. Highly recommended!"

("Nincow" - 2019)

Jessica Gentile (attrice)
"Lavorare sul set è stata un'esperienza professionale e umana molto piacevole: Marco riesce a coniugare precisione e meticolosità con un'atmosfera distesa e leggera, combinazione perfetta di qualunque professionista".

("Aqua" - 2019)


Piero Ali Passatore (actor & singer)

"Marco Paracchini was very professional, cordial and enthusiastic about his work. Working with him on the short film Amnesia was a great pleasure and I'd be happy to work with him again in the future!"
("Amnesia" - 2018)




Pietro Giunti (attore)
"Marco è stato il primo a credere che potessi recitare e mi propose di farlo in un suo cortometraggio quando ancora, attore, non potevo dire di esserlo. "Untouched" poi andò benissimo, il set e tutta la troupe furono gentili e seppero mettermi subito a mio agio. Ringrazierò sempre Marco per avermi dato questa opportunità!"
("Untouched" - 2014)


Luca Busnengo (attore & insegnante di recitazione)
"Marco è un regista attento e molto preparato. È stato un vero piacere lavorare con lui."  
("L'Audace Viaggiatore" - 2009, "Per un mondo migliore" - 2010)

Mauro Quaglia (attore)
"Ho lavorato con Marco per dieci lunghi anni in cortometraggi di notevole fattura. La sua professionalità è innegabile."